Per tutti quelli che, fermandosi a contemplare il tramonto per quei cinque minuti da quando il sole inizia a toccare l'acqua a quando scompare completamente, sono riusciti, anche solo che per un attimo, a sentire il ribollire del mare all'orizzonte.
Le mie foto
Nome:
Località: Genova, Genova, Italy

venerdì 29 dicembre 2006

Ma come fanno i marinai

Bene... pare proprio che la Spagna non mi ispiri la scrittura così come credevo, anzi...!
Ma non mi soffermerò sui motivi o i demotivi.. anche perché non è così interessante.
Invece vorrei parlare di questi madrileñi, ora che ho un po’ imparato a conoscerli.

Iniziamo.
Madrid: 3200000 abitanti circa... per i madrileñi è invece una città di circa 8 milioni di persone..Posso capirlo, il traffico che c’è ti induce a pensarlo.. ma in verità è solo un po’ più grande di Roma, con la differenza che la sua provincia ha le dimensioni di una regione e le cittadine che come metastasi si sparpagliano per la meseta sono abitate da un altro paio e mezzo di milioni di abitanti.. in tutto la provincia ha circa cinque milioni e mezzo di abitanti.
Bè, sì.. è comunque una città enorme e dalla grande voglia di crescere ancora. Mi viene in mente quello che sentivo per radio il giorno in cui stavo emigrando.. ormai quasi 2 mesi fa.
Per caso mi ero sintonizzato sulla radio del COPE.. che è la conferenza episcopale spagnola...però nulla a che vedere con Radio Maria eh! Difatti, malgrado il taglio un po’ destroido-conservatoro-clericale, i temi trattati sono piuttosto interessanti.
Quel giorno si parlava delle città. Citavano un non-so-chi di famoso che metaforicamente descriveva le città moderne come dei cancri. Effettivamente per un fantomatico viaggiatore spaziale apparirebbero proprio così: delle zone tumescenti in espansione che divorano il substrato preesistente, sfruttando fino all’esaurimento tutte le risorse vitali che incontrano nel loro cammino..dei cancri!
La Spagna sta avendo il suo boom edilizio, più o meno come quello italiano degli anni 50-60.. direi che è equiparabile in tutto.. tranne che per lo spazio, qui (in Spagna) spazio ce n’è in abbondanza.
Tra questo “tutto” si può annoverare, ad esempio il fatto che non c’è un amministratore pubblico che non sia indagato per corruzione, tangentopoli era uno scherzo in confronto.
Anche i metodi di imbonimento della popolazione ricordano quelli di vari amministratori democristiani d’epoca.. esempio: festa di paese organizzata dal sindaco e da una compagnia di costruzioni, quella che malgrado riserve naturali, zone protette etc etc, vuole costruire su una collinetta nel territorio di un comune di campagna. Nella festa si offre gratis cerveza y morcillas (gnam gnam)... e i costruttori pian piano entrano nei cuori delle persone (e probabilmente i soldi nelle tasche del sindaco): Brava gente!!!

Vabbè.. ma io sono ospite.. vedo tutto questo come folclore locale, invece vorrei parlare di qualcosa di più bello: entrare a Madrid da calle Alcalà.
La mia zona di lavoro è agli antipodi rispetto a dove vivo. Moratalaz, San Blas, Vallecas, le varie Città Pegaso e le fantomatiche periferie del sud est madrileño, racchiuse tra la M30 e la M40 sono quello che percorrono tutti i giorni le ruote (sgonfie) della Saxo che mi hanno dato: Vie con poco senso, soprattutto dalla avenida della Albufera in su.. fino a calle Alcalà. Un reticolato di strade con case che sembrano un copia & incolla spudorato e all’infinito.
La cosa buona è che c’è un bar ogni 2 palazzi..e questo puo’ rallegrare le giornate di molta gente.
Ma tornando all’estetica urbanstica..è tutto molto ripetuto, ma c’è da dire che è altresì tutto molto nuovo e ben tenuto, con vari parchetti per bambini, larghi viali alberati e rotonde ovunque.
La via del ritorno a casa può variare: M30 sud, con la brutta cosa che non c’è più M30 a sud est per i lavori di sotterramento della stessa, in più arrivato al ponte di Segovia puoi scommettere su una coda di almeno mezz’ora per percorrere l’avenida del Portugal.
M30 nord: più lunga e con l’avenida de la Ilusraciòn sempre intasata, ma con una bella vista sui nuovi grattacieli che stanno costruendo sulla Castellana, dove prima c’era la città sportiva del Real.
M40, nord o sud... circa 40 km per arrivare a casa.. e con code infinite a sud, all’altezza della N4 x l’Andalusia ed a nord con l’innesto della N6 x A Coruña.
Poi ci sono tutti i mix: un pezzo dell’una ed un pezzo dell’altra.. o le deviazioni M45 o simili..
Però l’unica che ti lascia un po’ di poesia arrivando a casa è la vecchia strada che portava dal centro di Madrid ad Alcalà de Henares, Calle Alcalà, appunto.
A dire il vero, non so di preciso perché sono così contento quando il traffico mi lascia andare oltre la Plaza de toros de Las Ventas, senza dover andare giù alla M30, o peggio tornare in dietro fino alla M40.
Questa sera erano le 18, più o meno e il sole illuminava ancora un po’ il cielo davanti a me. Il pezzo di salita che segue la spianata de las Ventas e che sfocia nella piazza del Marquès Becerra, era quasi senza macchine.
Mi ero lasciato alle spalle già tutto il primo pezzo di calle Alcalà, quello che non aggiunge nulla alle varie Fonte Carrantona o Avenida de Arcentales.. una via qualunque, anche se da qualcosa puoi scorgere il fatto che quella ti deve portare in centro, come il susseguirsi di fermate della metro in tutto il percorso.
Bene, già dopo la M30 diventa una bella stradina, i palazzi si raffinano e il marmo, o travertino, inizia ad essere uno degli elementi presi in considerazione dai costruttori. Si arriva fino al Nuovo teatro Alcalà, e si continua fino alla Porta di Alcalà, da dove le luminarie di Natale ti fanno scivolare alla piazza della Cibele con i suoi giochi d’acqua.
E qui sei nel pieno centro, Il metropolis davanti e il vecchio palazzo delle poste alle tue spalle e con una alla destra il Paseo de la Castellana e alla sinistra quello del Prado.
Ho avuto un momento in quel punto, qualche giorno fa, che ho pensato che Madrid fosse la città più bella del mondo(..ma poi mi è passato!)
Da li puoi andare dritto e segui Alcalà fino alla Calle Mayor, oppure devii nella Gran Via, che è quella che devo percorrere per tornare a casa.. e passi la zona dei vecchi cinema dei primi del 900 e dei negozi... dei turisti, con i palazzi altissimi e marmorei (o travertinei, piú facile!)
Alla fine si arriva in piazza di Spagna col monumento a Don Chisciotte e l’inizio del tunnel che porta alla N5-Badajoz.. in 5 minuti a casa, uscita El Batan y ya estamos!

Bene, un post così, tanto per scrivere qualcosa, con un titolo senza senso, ma che finisce con un augurio di buon anno.. a tutti i miei simpaticissimi lettori.


Luca

6 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Speriamo che 2007 porti del bene agli madrileñi. Vogliamo pace e tranquilità per portare avanti le nostre vite, tra il traffico e gli orari di lavoro insoportabili, gli stipendi ridicoli e alcuni -tanti- momenti magici, come quello che racconti, Luca, vissuto nella Plaza de la Cibeles... O come i tramonti guardati dal Tempio de Debod... O come una passeggiata, alle 3 del mattino, tra le statue della Piazza de Oriente sfuocate dalla nebbia... Proprio come ieri.

Non abbiamo fatto niente i madrileñi per meritarci l'odio nè la minaccia costante dei terroristi. Ormai, Luca, conosci abbastanza bene lo spitiru di questa città e della gente comune che ci abita. ...E penso che ne sei contento... :)

Spero che, nel 2007, i nostri politici, così come le autorità della UE, facciano di tutto per risolvere questa situazione, per permetterci di vivere in pace, perché siamo gente di pace. Io sono ottimista... A la mia BELLA MADRID serve l'ottimismo!!! :) ...

Io me ne andrò... Ma la mia gente rimarrà qui.

Buon anno a tutti.

Elena

01 gennaio, 2007 23:57  
Blogger valya said...

buon anno a te, al madrileno adottivo ed ai madrileni.
a loro i migliori auguri di una vita SERENA...che è meglio di felice...perchè la felicità può durare un momento, la serenità è più duratura.

02 gennaio, 2007 20:51  
Anonymous fabrizio said...

ciao lu sono Fabry ! ma scusa un pochino...M20 - M30 - M40 ma M sta' per Madonna, e i numeri ti indicano quante volte devi nominarla, ogni volta che trovi casino !? He certo che non deve essere stato molto facile imparare le strade madrilene, mi ricordo che ogni tanto ci perdevamo anche a genova...vabbe' auguroni per un anno nuovo pieno di belle sorprese boun anno !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

03 gennaio, 2007 23:13  
Anonymous Luca L. said...

Eh eh.. più o meno è così!
Ma.. alle strade mi sto aibtuando, è il lavoro che..bè, non vedevo l'ora che arrivasse novembre per lasciare in italia le caldaie e i loro problemi e cosa mi vado a trovare qui?.. lo stesso lavoro di minch... forse sono un po' idiotello!
Cmq, si cerca altro e si tira a campá.
Auguri anche a te, Fabrizio.. ma falli un po' a tutti all'ABIE da parte mia.. anche a Stefano, che dev'essere l'unico a cui non ho mai mandato nulla.. anche perchè non ho piú il numero.

04 gennaio, 2007 18:19  
Anonymous valeria said...

HAVANA

Sale odor di salsedine
flutti d'alte onde
s'infrangono con forza
su gli argini scrostati del Malecon.
Coloniali palazzi di tinta pastello
scoloriti
sul mar Atlantico s'affacciano.
Sguardi di turista affascinati
da vecchie auto in stile "happy days".
Fuori dall'hotel
giovani mulatte in disordinata fila
per stranieri danarosi.

Svetta il monumento
in Plaza de la Revolucion
mentre da un risciò
il turista fotografa quel "Che"
di lamiera arrugginitosi
col tempo
sul muro del Ministero.

Profumi d'aragosta
ai fumi di rhum
si mescolano
per l'avventore
a la Bodeguita del Medio.
Classe mista al pian terreno,
divise uguali
rosse e blu,
ad alta voce legge
da pagine ingiallite
i versi di Josè Martì.

Secca arsura si fa strada
fra scricchiolanti bancarelle
su vie lastricate
umide da brezza marina.

Ancora riecheggia nella mente
del turista indaffarato
voce tenue di quel bimbo
della scuola al pian terreno
a cui matita ha regalato:

"Muchas gracias, companero".


Ciao Luca ..ciao Elèna ...ciao a tutti..i postisti!!
non ho tempo di scrivere altro perchè sono alle strette con la tesi ...
Vi lascio una poesia che mi piace e che un pò si addice alla tematica di questo post!!
BUON ANNOOOOOOOOOOOOOO

14 gennaio, 2007 22:19  
Anonymous Anonimo said...

Scrivi, scrivi, scriiiiiviiii!!!

Elena

28 febbraio, 2007 16:07  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home