Per tutti quelli che, fermandosi a contemplare il tramonto per quei cinque minuti da quando il sole inizia a toccare l'acqua a quando scompare completamente, sono riusciti, anche solo che per un attimo, a sentire il ribollire del mare all'orizzonte.
Le mie foto
Nome:
Località: Genova, Genova, Italy

domenica 28 maggio 2006

..Hic!


Quando la stagione si fa piu' bella, non viene gran voglia di scrivere su di un computer, la cosa è diversa quando si ha una connessione wireless, un portatile, ed un bel tavolino in giardino che ti permette di scrivere e di vedere il tramonto simultaneamente.
Ora: il tramonto di oggi lascia un po' a desiderare, e i 66 cl di birra che sto finendo di bere per buttare giù le noccioline..bè mi stanno un po' offuscando il filo del discorso (..e anche un simpatico giro in bicicletta di 4 ore aiuta in questo senso!)
Però.. forse riesco ancora a dire qualcosa di quello che avevo pensato.
Oggi leggevo qualche commento nel blog di Beppe Grillo, il post odierno era, fondamentalmente, un manifestino elettorale di Dario Fo a favore di Ferrante per l'elezione del sindaco di Milano.
Non è di sicuro una scelta felicissima, pubblicare una cosa del genere proprio il giorno delle elezioni e certamente sarà difficile che Fo possa ottenere l’effetto sperato, già che dai commenti si capisce che il sentimento di chi l'ha letta non è quello di gettarsi in una cabina elettorale a votare Ferrante , ma l'idea dei più è quella che con questo post non si è rispettata la filosofia del blog (di quel blog) di essere "Super partes" (..anche se vorrei sapere chi l'ha detto!?) e di non aver rispettato il silenzio della campagna elettorale proprio nel giorno delle elezioni.

In parte ho gia' ho già scritto qualcosa nel blog di Grillo (x chi vuole leggerlo, è facilemente individuabile, già che l'ho firmato col mio nome vero... http://www.beppegrillo.it/2006/05/e_dario_fo_che.html) e il resto lo dico qui.

Bisognerebbe capire cosa la gente pretenda da un blog. D’accordo quello di Grillo è molto seguito, è uno dei siti più “cliccati” al mondo e certo ha più responsabilità lui col suo blog che, ad esempio, io con il mio, ma credo anche che un "Web Log" è e rimarrà sempre un luogo privato, dove una persona dice quello che vuole, al di fuori di quello che la gente si possa aspettare da lui.
D’altronde, se uno dice solamente quello che gli altri vogliono sentirsi dire da lui, allora la sua esistenza pubblica diventa equivalente a quella di un megafono.
Invece l’entità dei commenti, di quello che dice “la gente”.. quello si ha qualcosa di.. non vorrei dire di preoccupante (come già avevo scritto) ma di malato..si, è l’espressione giusta! Malato di “Par condicio” malato di “Comunisti”, malato di “mi consenta”, insomma malato di quella forma nuova e piu’ profonda di craxismo che è il berlusconismo.
Purtroppo anche chi non lo vota e lo odia fortemente non è immune dalla malattia, molti sono sieropositivi e lo dimostrano nel modo di impostare i loro discorsi, di portare a compimento ragionamenti e di portare le conclusioni a quei due o tre concetti (..o forse è meglio dire "preconcetti"?) che si sentono spesso in giro; in televisione, da un amico, per radio...
D’altronde.. è logico, fortemente logico, che questa sia la nostra formazione intellettuale, chi in questi anni ha avuto le briglie dell’informazione, dello spettacolo, e di tutto quello che si puo’ vedere e in parte leggere in Italia, quindi della cultura setessa della maggior parte degli italiani è stato proprio Lui..Berlusconi, (tanto per fare ..cognomi!)
Non voglio soffermarmi sulla persona e su quello che (di male) ha portato al nostro Paese, nè sul germe maligno che la società italiana spesso si crea, ma vorrei restare alla retorica ed al modo di ragionare sulla società e sulla politica.
Forse il maggioritario (anche se ora involuto, almeno per il senato, in un proporzionale “bastardo” con premio) e l’avere solamente 2 enormi formazioni politiche, portano già di per sè a vedere la politica come un grande campo di battaglia, gli insulti di oggi hanno preso il posto dell'abilità politica e dell'ironia di ieri (anche se nel clima di grande corruzione di allora!) e la dialettica politica fra i due schieramenti non è di certo come prima del ‘94, di chi ha condiviso la stesura della costituzione italiana, di chi ha condiviso le lotte partigiane e tutta la ricostruzione dell’Italia del dopoguerra.
Oggi, abbiamo a che fare con una politica fine a sé stessa e chiusa al dialogo, che in campagna elettorale promette tutto cio’ che vogliamo sentirci promettere, panzonate pazzesche in una gara a chi la spara più grossa.
E alla lunga questo modo di fare che ci arriva dall’alto, non puo’ che far cadere sempre più in basso anche il rapportarsi delle persone normali, soprattutto di quelle che più assorbono le abitudini degli altri (e ce ne sono molte!) ..ed ho paura che anche per i prossimi 5 anni...bè meglio non pensarci!

Ora vorrei tornare al mio tramonto ed al mio tavolino ma ormai si sono tramutati in un comodino e una stanza buia, già che si è scaricata la pila del portatile ed è anche andato via il sole, ma lo spirito è rimasto..quello della birra, che mi ha fatto perdere il filo del discorso piu’ volte..e non mi fa trovare un finale degno di tal nome a questo post!




Saluti

2 Comments:

Anonymous valeria said...

Ciao a tutti ! eccomi qui dopo un periodo di assenza .....
Ho dato uno sguardo all'articolo di Fo e ai commenti : quante critiche per un pò di propaganda che poi viene fatta su un blog che diciamo la verità non può essere completamente "Super partes "..ed è giusto così secondo me! In fondo un blog è logico che esprima principalmente l'essenza di chi lo crea ..poi semai ci saranno i commenti e i giudizi di chi vi partecipa. E poi anche se ha scritto l'articolo il giorno stesso delle votazioni non è come se avesse appeso cartelloni di propaganda sui muri ! Ha scritto su un blog il cui accesso è libero a tutti in fondo !! Anche i giornali di partito allora scrivono le loro idee anche il giorno delle votazioni ..credo sia un pò la stessa cosa ...
Al limite posso esprimere a Fo la mia perplessità su alcuni progetti ....belli ma un pò troppo utopistici ; sarebbe piacevole creare più aree verdi a Milano ...non costruire altri parcheggi e palazzi ....ma in fondo se le auto ci sono ,meglio parcheggiarle che vederle vagare a vuoto ( inquinando l'aria ) perchè non trovano parcheggio (oltre che lo stress per chi è al volante)..e i grattacieli sono antiestetici però recuperano spazio in altezza ..
insomma ...io la penso un pò così ...per il resto lascio la parola ( anzi la tastiera) a chi conosce più a fondo queste tematiche .....
Io personalmente apprezzo ad esempio qui a Pontex i nuovi marciapiedi ,carini ..con le pianticelle ..però noto anche che si è ridotto ulteriormente lo spazio per parcheggiare le auto ! per fortuna stanno costruendo un silos al capolinea ...ma bastera?
Le auto sono troppe..ohimè!
ciauuuuuuuuu

03 giugno, 2006 19:38  
Anonymous Anonimo said...

ciao italia il nord se ne và!

01 agosto, 2006 18:31  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home