Per tutti quelli che, fermandosi a contemplare il tramonto per quei cinque minuti da quando il sole inizia a toccare l'acqua a quando scompare completamente, sono riusciti, anche solo che per un attimo, a sentire il ribollire del mare all'orizzonte.
Le mie foto
Nome:
Località: Genova, Genova, Italy

venerdì 30 maggio 2008

Toh!


Già, è molto che non scrivo ...e che volete farci? ...Senilità che avanza, mancanza di argomenti..di voglia, mancanza di tempo e di estro, il non essere più una novità questo blog (e relativa) perdita di interesse...
Forse tutto e niente di quello che ho scritto, se qualcosa ho capito di come siamo fatti è che siamo come la corde di una chitarra, perlomeno io: ho bisogno di una pizzicata e suono per un po'.
E' così.. e non credo di essere l'unico, ovviamente. Tutti, chi più chi meno, sono presi a calci da questo caso così onnipresente che regola gli alti e bassi delle affezioni.
Qualcosa di evanescente, che fluttua nell'aria, un pensiero, una voce..il sapore di una madeleine ...e per un po' gioisci della vita e di quello che possiamo fare con essa. Poi, non troppo tempo dopo, il vento contrario porta ombre più cupe..ma solo per un po'!

Ora sto scrivendo: si vede che ho avuto una bella pizzicata e sto godendo della vita!
..Toh, spunta anche il sole! ed i suoi raggi che entrano in questa simpaticissima mansardina di 1 metro x 2 che svetta sui tetti di Pontedecimo, dipingono tutto con toni più vivaci ma nello stesso tempo rilassanti. Arrivano e si appoggiano nel bianco dei muri come un eco del passato...non è per nulla un concetto casuale...se c'è una cosa di cui ora mi sento certo è che i raggi che sgorgano dalle nuvole, sono la fonte della giovinezza. Una metafora della gioia di vivere dell'infanzia e che ogni tanto si riaffaccia ai nostri occhi.
Si, ora sono più giovane!

Dato che la corda vibra...si può fare il punto della situazione, che...poi, tutto sommato è superfluo; che siamo di nuovo governati dal Cavaliere.. tutti lo sanno, opinioni mie..superflue (e probabilmente già note), come va la mia vita da sposato?..chi mi conosce lo sa e gli altri ... e che je fotte? Comunque chiedano, vediamo se gli rispondo!
Poi, che altro?
...Lavoro eh.. di questo potrei accennare qualcosa; sono in una pausa di 15 giorni per il cambio di contratto, cacchio: inizio martedì ed in questi 15 giorni non ha fatto altro che piovere!

Per il resto...questo post era un piccolo armonico nella vibrazione della corda ma, in fondo, pian piano la nota si affievolisce, passa e lascia tutto come trova!

Ciao.

5 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Toh! Nessun titolo fu più azzeccato.. chi si rivede! Già, non sei l'unico ad avere bisogno di "pizzicate" per suonare per un po' di tempo. Purtroppo queste vanno e vengono e possono durare un anno, qualche mese o un giorno soltanto, l'importante è essere ottimisti e sperare sempre in qualcosa di meglio (..lo dico soprattutto per autoconvincermi...).
Comunque bentornato, mi auguro che questa tua riapparizione sia l'inizio di una nota che possa suonare per molto tempo. E non mi riferisco solo al blog ma anche alle altre tue scritture in corso d'opera..
Non ho molto estro in questa serata, quindi ti saluto e un arrivederci a presto in questi siti.
Ciau!
Lara

08 giugno, 2008 23:16  
Blogger Luca Lume said...

Pessimismo e fastidio, dicevano i Cavalli Marci.
Partendo da lontano... mi è sempre piaciuto catalogare quello che sono i comportamenti umani, non per giocarci come fanno alcuni, ma semplicemente perché la mia testa lavora così. Mi piace osservare (più che fare) e rapportare quello che fanno gli altri a quello che farei io.
Nella maggior parte delle occasioni, o meglio, se consideriamo le cose da una certa distanza; facciamo 15 metri e non se ne parla più, tutti ci comportiamo più o meno nello stesso modo. man mano che ci avviciniamo (ovviamente la distanza è più metafora che metri) notiamo che pian piano ci diversifichiamo, non molto, il giusto, ma siamo diversi.
Alla circostanza: "non so che fare!" c'è chi risponde.. "Bene, mi riposo", chi "Dipingo!" e chi "Cazzo..e che faccio io ora?"...dipende dalla persona, dalla situazione, dal "bioritmo".. e da mille altri elastici corde e cordine che ti tirano da una all'altra parte.
A volte per capire bene ciò che occorre, dobbiamo individuarle bene tutti ‘sti lacci, prenderli nel pugno ed arrotolarli fino ad arrivare al posto dove sono attaccati.
A quel punto avremmo alcune risposte che, dov'eravamo, malgrado fossimo comodi nella nostra personalità, non avremmo mai potuto scorgere.

Ecco, ho finito!

09 giugno, 2008 20:07  
Anonymous valeria said...

E che dire di quella specie di sesto senso - così lo chiamano- che ti porta a fare qualcosa in un determinato momento?

Giuro che non lo sapevo che avessi scritto un nuovo post (dopo mesi di pausa) e oggi mi è tornato in mente questo blog e ho voluto dare un'occhiata!!).....e guarda caso cosa ho trovato? un nuovo post fresco di pochi giorni!!!!

Non che questo sia un accadimento di particolare importannza però mi ha fatto pensare alle coincidenze varie ...

Bello lo sguardo su pontedecimo dalla tua mansardina !
Sembra proprio UnaFinestraApertaSulMondo :)
che poi .... era il titolo di un mio libro delle scuole medie ihihih....

Che dire ..scriverei ancora qualche sciocchezzuola ma il lavoro chiama !!!

Ed è andata già bene che oggi non essendoci il capo ho trovato il tempo per scrivere 10 min.


Ciao alla proxx

10 giugno, 2008 16:40  
Blogger Ori said...

Finalmente chi si risente!
O si rilegge (visto che di blog si tratta)??
Era l'ora di scrivere qualcosa di nuovo..anche io come Valeria, ho avuto una specie di presentimento, ho pensato che forse c'era un post nuovo da leggere e toh...era proprio così..e ne sono rimasta talmente colpita che, anche se di solito sono una spettatrice silenziosa, stavolta ho voluto celebrare l'evento lasciando un commentino anche io..:P
Che dire? Che penso che tutti siamo un po' come corde di chitarra, in attesa che qualcuno ci pizzichi, ma l'attesa non è vana, se poi suonando la melodia è esattamente quello che sentiamo nel cuore e che vogliamo esprimere..
Beh dopo questo pensierino, torno ad essere produttiva all'azienda...doh!
Al prossimo post (che si spera non tarderà troppo ad arrivare eh!)
Ciaooo Ori

13 giugno, 2008 16:11  
Anonymous Luca L. said...

Infatti nel giro di dieci giorni ne ho scritti 3! (post)..E pensandoci bene..neppure quelli che avrei voluto.
Nella testa mi girano tante belle cosine ma mi sembra sempre che non sia il momento giusto per scriverle.
E perchè poi!?
Alla fine scrivacchio cosette da 4 soldi. O forse è che tutto mi sembra bello quando è un pensiero e quando si tramuta in parola si imbastardisce un po' ingrigendosi,diventando piatto. Così, ancora prima di scriverlo, me lo immagino scritto ...e non lo scrivo piu'.
(in questo momento la cordina vibra poco!)

Saluti.

26 giugno, 2008 22:03  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home